Fatevi un giro in questa valle… Fidatevi

foto1

Puoi usare INDIGÈNIO per organizzare al meglio le tue vacanze. GRATIS

I nostri esperti locali, gli Indigèni, vivono e conoscono la tua destinazione di viaggio e possono darti consigli e dritte che solo una persona del posto può conoscere.

Chiudete gli occhi…

Fatto?

Ok, ora immaginate di trovarvi in un bellissimo prato verde oltre i boschi di pini ed abeti, solo dove i larici regnano  alla base delle più alte ed imponenti montagne della catena del Lagorai: davanti a voi solo un limpidissimo specchio d’acqua e un torrentello che sgorga da esso.

Ciò che sentite è soltanto lo scoscio di quest’ultimo accompagnato dal fruscio dell’aria frizzantina d’alta quota che smuove appena i rododendri dei quali, per un lungo istante, riuscite a sentire il profumo..

E poi ancora aroma di funghi, di mugo, di mirtilli maturi pronti per essere raccolti, di vita, di libertà, d’avventura, di storia.. e in lontananza lo sentite il verso stridulo dell’aquila?

Nessun rumore simile a quello del traffico cittadino, delle voci della gente di un luogo affollato, degli squilli dei telefonini.. solo il silenzio vi avvolge, creando una sensazione di calma e di rilassamento.. riuscite a percepirla?

…E ora?

Ora invece vi trovate in uno splendido paesino di origine medievale, che già da qualche anno è stato nominato uno dei “borghi più belli d’Italia”: riuscite a vedere questo tripudio di archi a tutto sesto con sassi a vista, stradine e viottoli lastricati, piccoli angoli adornati da gerani rigogliosissimi, affreschi secenteschi e iscrizioni sui legni di colmo della case?

Sentite in lontananza il campanile che scandisce le ore del giorno mentre visitate le antiche “gallerie” nelle quali veniva cercata l’acqua in tempi antichi?

Qui il tempo sembra essersi fermato: se controllate bene infatti, riuscite a vedere ancora i curatissimi orti delle donne del paese e le particolarissime fontane delle piazze centrali alle quali a volte ancora si attinge!

E lì, non avete notato quelle cataste di legna così fantasiose? Si tratta della mostra permanente “Cataste e Canzei”, opere d’arte realizzate da artisti locali e non, fatte con pezzi di legno tagliato e pronto per essere bruciato.. avete mai visto un posto del genere?

Ed ora, dopo tutto questo girovagare tra natura, arte e tradizioni non vi è venuto un po’ di appetito?

Detto fatto: eccoci qui, in uno splendido rifugio in quota, davanti ad un bel focolare che ci riscalda il corpo e l’anima.

Dalla finestra vediamo scendere dal cielo qualche leggero fiocco di neve mentre l’aroma del legno ci pervade accompagnato dal profumo di un sublime strudel di mele appena sfornato, accompagnato dalla panna fatta in casa, montata al momento.

Poi due chiacchiere con i simpatici gestori del rifugio che ci offrono gentilmente una gustosa cioccolata calda e ci consigliano il prossimo itinerario o la prossima attività per l’indomani.. che prezzo ha il sentirsi coccolati?

Ora riaprite gli occhi…

Pensate che queste immagini siano solo frutto di un bel racconto?

No, vi assicuro che esiste un posto dove tutto questo è pura quotidianità!

Un luogo autentico ed inalterato nel tempo, dove la quiete regna sovrana tanto in estate quanto in inverno.. un luogo nel quale poter ritrovare se stessi o semplicemente passare qualche giorno in spensieratezza con la propria famiglia o i propri amici: sono le valli di Primiero e Vanoi.

La prima più viva e attiva dal punto di vista turistico e commerciale nella quale trascorrere giornate all’insegna del divertimento, dello sport, del relax e del gusto, la seconda più selvaggia e tradizionale nella quale tornare letteralmente indietro nel tempo.

Non avete voglia di venire a vedere?

Inizia ora ad usare INDIGÈNIO!

Invia la richiesta di viaggio ed entrerai in contatto con l’Indigènio più esperto della tua destinazione.

Related Posts

Leave a reply


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Cookie Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close